Blog: http://iosonolaico.ilcannocchiale.it

Avanguardia: fascisti no-global? Ossimoro strisciante ma sorridente

Sono per caso capitato nel sito di una organizzazione militante di estrema destra (si definiscono nazionalpopolari). Il mensile di approfondimento militante appunto è famoso, un nome noto a tutti: avanguardia. Tuttavia, ho letto un editoriale del direttore del mensile, tratto dal numero di settembre 2001, dove diceva che la protesta dei no-global contro l'assise mondialista è legittima.
E inoltre scopriamo che
La Comunità Politica di Avanguardia nel documento politico stilato in organica sinergia con le altre tre realtà politico-militanti che si riconoscono nel Coordinamento Antimondialista [cfr. pp. 8-9] ha definito eticamente e culturalmente il percorso politico-rivoluzionario che ritiene essenziale intraprendere per l'abbattimento ed il definitivo superamento dell'istituzione capitalistica. (da www.avanguardia.tv)
Questa è la prova che il disagio giovanile, il non voler accettare questo tipo di globalizzazione strisciante e che non lascia respirare, insieme alla ferma condanna ed estrema unzione ad un capitalismo davvero sfinito, non accuma solo i giovani della sinistra italiana. Tuttavia, questi "nazionalpopolari" sono fascistissimi, basti vedere il loro simbolo, la croce celtica più chiara e vispa che io abbia mai visto su un sito "non storico".
E le loro idee contro la legge Mancino (che francamente anche io non ritengo pienamente giusta), che sarebbe dettata solamente dalle esigenza degli ebrei italiani, mi lasciano perplesso: a loro avviso, il fascismo portò solo un "presunto antisemitismo".
Mentre tutti sappiamo che la persecuzione in Italia della comunità ebraica non era affatto "presunta" ma "netta". Francamente non credo che al Duce interessasse qualcosa degli ebrei. Anzi credo che lui fosse l'unica persona di cui si curasse e fidasse (prendo spunto dal saggio di Smith). Ma la leggerezza con cui lui e il Re firmarono le leggi raziali, fanno ancora ribrezzo oggi stesso.


Constato tuttavia che i fascisti di oggi, questi nazionalpopolare di Avanguardia, pur rimanendo a sostenere un revisionismo storico pazzesco e spesso ingiustificato, condannano in pieno il governo Berlusconi, punzecchiano sovente Alleanza Nazionale, e si pongono su questioni di analisi anti-globalizzazione e anti-costituzione europea.
Il peccato, bisogna dirlo, è che questa istanze sono dettate solo in parte da una ottima lettura della realtà mondiale. Più che altro credo in una loro xenofobia del ventunesimo secolo.

Pubblicato il 11/8/2005 alle 12.31 nella rubrica Antifascimo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web