Blog: http://iosonolaico.ilcannocchiale.it

Ristabilire il dialogo e la collaborazione dentro Rifondazione: sennò a che servono le Primarie?

A pensarci bene, le parole, i fatti, gli sforzi e le passioni, per portare avanti una certa tua passione, sono sempre ben spesi, usati, dati. Quando tuttavia, ti taglia la strada proprio il tuo amico, con cui magari hai recentemente litigato ma che comunque vive con te, la cosa riesce a farti innervosire. E certe volte viene voglia di mollare tutto.
Quanto dev'essere dura, quindi, all'interno di un partito, vedere il proprio leader, eletto democraticamente dal congresso, a cui in parecchi, nell'associazione stessa, hanno voltato le spalle. Che sia per voglia di non lavorare o meno, non importa. Importa il fatto che, dalle scintille del congresso in poi, Bertinotti quasi quasi è stato più sereno a pranzo con Prodi che nella sede di Rifondazione. Tutto questo perchè, mentre lui provava a farsi un po' coraggio e portare avanti la propria/del partito idea di politica, s'è scelto la via "governativa", cioè il patto con l'ex Presidente del Consiglio per ridare al centrosinistra la maggioranza al Parlamento. Fino a qua, anche se in Francia il Pcf fa spesso opposizione, niente di male. Addirittura, nella spagna zapaterista e laica troviamo il Pce che appoggia il governo socialista/riformista.
E dunque perchè qualcuno delle diverse correnti di Rifondazione ha scelto di non appoggiare il segretario? Loro, che ovviamente si definiscono "di sinistra", non vorrebbero il segretario del partito di cui hanno la tessera come leader dell'Unione? La democrazia è democrazia, e Bertinotti, come nella tradizione ma nel pieno del rinnovamento, rappresenta la via per spostare più a sinistra l'asse (se avrà più del 12-15%) o il timone (se vincerà) della coalizione. Il tutto, per far avere all'elettorato e la classe medio-bassa che fa riferimento all'asse Prc-Pdci un programma di sinistra, da presentare agli elettori.
Per le primarie, non si può abbandonare il proprio segretario. O almeno, se esiste una regola morale in politica, non lo si snobba così.

Pubblicato il 2/8/2005 alle 23.42 nella rubrica Primarie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web