.
Annunci online

iosonolaico
ma la politica è laica oppure è incredibilmente religiosa-praticante e antica?


Diario


21 luglio 2005

Questo partito è la mia casa -by Darwin Pastorin - da Liberazione

Non potrei vivere senza i sogni, senza le passioni. Anche adesso, alle soglie dei cinquant'anni. Conto ancora le nuvole, seguo il buffo andirivieni dell'aquilone con mio figlio Santiago, credo nella possibilità di un mondo migliore. Dentro di me, come per Platone e Pascoli, vive un «fanciullino». E questo «fanciullino» è capace di stupirsi, indignarsi, commuoversi. Di rifiutare le situazioni di comodo, le ragioni dei più forti, la morale di chi è senza morale, di chi pensa al guadagno facile e non sa guardarsi al fianco, dove c'è un povero che allunga la mano, un bambino che chiede un pezzo di pane, un anziano solo. Faccio parte, con orgoglio, del Partito della Sinistra Europea perché, da sempre, ho imparato a guardarmi attorno. Perché credo nei progetti politici, sociali e culturali di Fausto Bertinotti. Perché il cammino è difficile, ma non impossibile.

Guardarsi attorno. Ho cominciato a farlo da bambino, a San Paolo del Brasile. In quella Rua Nossa Senhora da Lourdes che per me è, nella memoria, nel mito, nella consolazione, come la Rua dos Douradores di Bernardo Soares/Fernando Pessoa («Penso a volte che non uscirò mai da questa Rua dos Douradores. E se lo scrivo, mi sembra l'eternità»). Lì, io, figlio di emigranti veronesi, giocavo con coetanei ebrei, mulatti, polacchi, coreani. Inseguivamo la vita, consapevoli, fin da quel tempo, delle fatiche dei nostri padri e delle nostre madri. Stavamo bene insieme, in quella moltitudine di lingue, dialetti, speranze. Ringrazio il Brasile per avermi insegnato che il razzismo è una vergogna.

I miei genitori tornarono in Italia nel '61. Non più Verona, ma Torino. La Torino dell'effimero chiamato Boom Economico. «Venite, venite signori alla fiera del lavoro, posti per tutti, case per tutti!». Quanti imbonitori, quante illusioni. Cottimisti, non ottimisti. Potevi fare il bagno al Po, ma in fabbrica ti rubavano l'anima, ti contavano il respiro e il sudore. Mi guardavo attorno, e vedevo la sofferenza degli operai. Torino non era più la gozzaniana «piccola Parigi», la città dalle «dritte vie corrusche di rotaie», ma una città che guardava scorrere la vita dallo spioncino della porta. Oggi, per fortuna, le cose sono cambiate. Torino è multirazziale, Torino ha tolto le catene, ha spalancato le fineste sull'universo. Ma quanta fatica, quanti dolori! Il mio maestro di letteratura e di vita, Giovanni Arpino (rileggete, per favore, rileggete «La suora giovane», uno dei più bei romanzi del nostro Novecento), mi disse, in tempi non sospetti: «Torino ha la sua salvezza nell'essere una città operaia».

Il mio impatto con la politica fu terribile, violento. Primo anno di liceo, via Juvarra. Primo sbadiglio dell'autunno. Primo giorno di scuola. Mancavano pochi minuti all'inizio delle lezioni. Quando arrivò quell'urlo, lacerante: «Arrivano i fascisti, arrivano i fascisti!». Ricordo quel colosso, con lo scalpello in mano, la faccia dura, crudele. Il colpo sulla testa di un compagno dell'ultimo anno. La testa che zampillava sangue. Io lì, con i miei quattordici anni. Con il mio orrore. Decisi subito da che parte stare. Dalla parte di chi subisce colpi alla testa, viene aggredito, ferito. Il giorno dopo, c'erano soltanto bandiere rosse. Il terzo giorno, il liceo venne occupato. Assemblea, sciopero, corteo interno. Cominciai a leggere testi sul comunismo. Le lettere di Gramsci. Il "manifesto" di Marx ed Engels. La storia del Pci. Continuavo, nel contempo, a disprezzare il socialismo reale, quei carrarmati a Praga, le fiamme che spensero l'urlo di Jan Palach. Il mio comunismo era il comunismo di Che Guevara, un comunismo nobile, rivoluzionario, che non sapeva perdere la tenerezza. La mia era, comunque, nell'ideale, una rivoluzione senza le armi. La rivoluzione del dialogo. Oggi, nella rinnovata consapevolezza, mi riconosco in Bertinotti, il mio Virgilio, e nel presidente brasiliano Lula. Già, che bella la vicenda umana e politica di questo operaio pernambucano!

Mi dicono: non ti vergogni ad essere comunista? Rispondo, con un sorriso, «no, non mi vergogno». Proprio per quella mia idea di comunismo: l'utopia da realizzare, una società senza più poveri, senza più sfruttati, senza più bambini in mezzo alla strada. Una rifondazione del comunismo. Che deve prendere le distanze, una volta per sempre, senza se e senza ma, dagli errori che, nel nome di un ideale giusto, sono stati compiuti in passato.

Faccio parte della Sinistra Europea perché i progetti sono chiari, rivolti agli "altri". Perché non dobbiamo smettere di guardarci attorno. Di seguire gli aquiloni.

Ho fatto per tanti anni l'inviato speciale. Per un quotidiano sportivo. Giravo il mondo dietro a un pallone. Ma non mi bastavano alberghi e stadi. Consumavo le scarpe, andando in giro per piazze, strade, anfratti. E ho incontrato, abbracciato tante, troppe solitudini. Ho raccolto parole disperate, lacrime di un passato sempre presente. I giorni a Santiago del Cile, ad esempio: il racconto dei testimoni, dei sopravvissuti di quell'11 settembre 1973, quando un massacratore di generazioni di nome Augusto Pinochet spezzò, con la violenza e la morte, i fiori di Unidad Popular, di Salvador Allende, di un socialismo dal volto decisamente umano. Poi, le madri di Plaza de Mayo. Quelle madri che non smetteranno mai di camminare. Di denunciare, di attendere. A ogni loro passo, ritorna una ferita. Un ragazzo lanciato vivo da un elicottero nell'oceano, una ragazza violentata, fatta partorire, il figlio venduto, infine uccisa. A ogni loro passo, ritornano quelle notti nere. I mitra, le case violate, la gente fatta sparire. 1978, il mundial della vergogna. Ha scritto Eduardo Galeano: «Al suono di una marcia militare, il generale Videla decorò Havelange durante la cerimonia di inaugurazione nello stadio Monumental di Buenos Aires. A pochi passi da lì era in pieno funzionamento la Auschwitz argentina, il centro di tortura e di sterminio della Scuola di Meccanica dell'Esercito. «Finalmente il mondo può vedere l'immagine vera dell'Argentina», annunciò il presidente della Fifa davanti alle telecamere delle televisioni. Henry Kissinger, ospite d'onore, annunciò: «Questo paese ha un grande futuro, a tutti i livelli». E il capitano della squadra tedesca Berti Vogts, che diede il calcio d'inizio, dichiarò qualche giorno più tardi: «L'Argentina è un paese nel quale regna l'ordine. Io non ho visto nessun prigioniero politico». E questa colonna infame potrebbe continuare all'infinito.

Il Partito della Sinistra Europea è la mia casa. Una casa senza porte e senza finestre, una casa aperta a chi crede nei sogni, a chi sa guardarsi attorno. Una casa di bella gente e di belle letture, di belle energie e di belle idee. Una casa che porta a tante altre case. Case di suoni, di colori, dove tutti si abbracciano e sono felici.

Darwin Pastorin - 08-05-05 - da Liberazione




permalink | inviato da il 21/7/2005 alle 13:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia            agosto
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Corsivo
News and Opinions
Culture and History
Lo sapevate?
Repertorio
Antifascimo
Montanelli
Primarie
Laicità
Decimomannu

VAI A VEDERE

LUCA COSCIONI
SERGIO STAINO
MODENA CITY RAMBLERS
COMUNI D'ITALIA
RAI CLICK
E-BOOKS GRATIS!
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA
CRONOLOGIA.IT - MITICO
L'UNITA'
THE GUARDIAN unlimited
ARCIGAY - per i diritti di uno stato giusto e laico
COMMUNIST PARTY OF USA
GIORNALE DI SARDEGNA
SINISTRA EUROPEA
FILOSOFICO
ISOLA BASKET sardegna
INDRO MONTANELLI, basta il nome
CORRIERE DELLA SERA
BRITISH COMMUNIST PARTY
BLOGGER PER LE PRIMARIE
DIARIO DI BORDO
ANTICLERICALE.net
TORINO CALCIO
SOVIET


E poi come si fa a non sorridere di uno pseudo-partito che si chiama Forza Italia, il cui simbolo sembra l'etichetta di un'aranciata da due soldi?
Corrado Lampe

"Il nemico più pericoloso è quello di cui nessuno ha paura"
Dan Brown - Angeli e Demoni





"E non poteva essere Berlusconi, perchè sapevo che la sua discesa in campo muoveva esclusivamente da interessi personali: me lo aveva detto chiaramente lui stesso".
Indro Montanelli - Soltanto un giornalista


LAICITA'


"Non abbassare il pugno, vecchio. Non lo abbassare mai".
Luis Sepulveda -
La frontiera scomparsa



"Parlavano anche di politica, i ragazzi del bagno. Si sentivano rossi, radicali, anarchici. Odiavano, ricambiati, gli stronzi nazisti che proliferavano nella loro scuola, figli di figli di bottegai, commercialisti, dentisti, figli di un'ignoranza italiana senza complessi. Si sentivano parte, con sfumature differenti, d'una sinistra sorridente e sincera; simpatizzavano col mondo underground dei centri sociali occupati e delle case discografiche indipendenti, e soprattutto odiavano i pinocchi di piombo delle organizzazioni di partito"           
Enrico Brizzi -
Jack Frusciante è uscito dal gruppo

   luis sepulveda

Sto leggendo
"Uno nessuno centomila" di Pirandello

"Sostiene Pereira"
- di Antonio Tabucchi

the Da Vinci code - in english, il più discusso caso editoriale dell'era commercial-libraia


davvero un libro che non puoi interrompere. Bello. In inglese è ancora più gustoso. Consiglio di leggere anche "Angels and Demons". Stepitoso.




   Eccomi a Buckingham Palace

"Io, cristiano, non posso accettare l’idea che il Signore, invocato in tutte le mie preghiere come archetipo e fonte di tutte le Virtù, a cominciare dalla più cristiana di tutte, la Carità, si diverta a infliggere alle sue creature i tormenti di un’agonia senza speranza. Questa, anche se viene a ripetermela un Cardinale, o lo stesso Papa, per me è bestemmia".
Indro Montanelli
-
La Stanza - Corriere della Sera

Corriere.it

IO SONO LAICO


LAICITA'

 LUI ERA LAICO


Perchè lui non dovrebbe adottare un figlio?


Nella Germania Est, la sinistra primo partito

Post Elezioni regionali 2005

Guardian Unlimited


Ma cos'è la destra, cos'è la sinistra...
Giorgio Gaber


Contro tutte le guerre

- peace flag source internet

Eskimo (Francesco Guccini)
Questa domenica in Settembre
non sarebbe pesata cosi'
l'estate finiva piu' nature
vent'anni fa o giu' di li'
Con l'incoscienza dentro al basso ventre
e alcuni audaci, in tasca "l'Unita'",
la paghi tutta, e a prezzi d'inflazione,
quella che chiaman la maturita'
Ma tu non sei cambiata di molto
anche se adesso e' al vento quello che
io per vederlo ci ho impiegato tanto
filosofando pure sui perche'
Ma tu non sei cambiata di tanto
e se cos'e' un orgasmo ora lo sai
potrai capire i miei vent'anni allora
e quasi cento adesso capirai
Portavo allora un eskimo innocente
dettato solo dalla poverta'
non era la rivolta permanente
diciamo che non c'era e tanto fa
Portavo una coscienza immacolata
che tu tendevi a uccidere pero'
inutilmente ti ci sei provata
con foto di famiglia o paleto'
E quanto son cambiato da allora
e l'eskimo che conoscevi tu
lo porta addosso mio fratello ancora
e tu lo porteresti e non puoi piu'
Bisogna saper scegliere il tempo
non arrivarci per contrarieta'
tu giri adesso con le tette al vento
io ci giravo gia' vent'anni fa
Ricordi fu con te a Santa Lucia
al portico dei Servi per Natale
credevo che Bologna fosse mia
ballammo insieme all'anno o a Carnevale
Lasciammo allora tutti e due un qualcuno
che non ne fece un dramma o non lo so
ma con i miei maglioni ero a disagio
e mi pesava quel tuo paleto'
Ma avevo la rivolta fra le dita
dei soldi in tasca niente e tu lo sai
e mi pagavi il cinema stupita
e non ti era toccato farlo mai
Perche' mi amavi non l'ho mai capito
cosi' diverso da quei tuoi cliche
perche' fra i tanti, bella,
che hai colpito ti sei gettata addosso proprio a me
Infatti i fiori della prima volta
non c'erano gia' piu' nel sessantotto
scoppiava finalmente la rivolta
oppure in qualche modo mi ero rotto
Tu li aspettavi ancora ma io gia' urlavo che
Dio era morto, a monte, ma pero'
contro il sistema anch'io mi ribellavo
cioe', sognando Dylan e i provo
E Gianni ritornato da Londra
a lungo ci parlo' dell'LSD
tenne una quasi conferenza colta
sul suo viaggio di nozze stile freak
E noi non l'avevamo mai fatto
e noi che non l'avremmo fatto mai
quell'erba ci creseva tutt'attorno
per noi crescevan solo i nostri guai
Forse ci consolava far l'amore
ma precari in quel senso si era gia'
un buco da un amico, un letto a ore
su cui passava tutta la citta'
L'amore fatto alla boia d'un Giuda
e al freddo in quella stanza di altri e spoglia
vederti o non vederti tutta nuda
era un fatto di clima e non di voglia
E adesso che potremmo anche farlo
e adesso che problemi non ne ho
che nostalgia per quelli contro un muro
o dentro a un cine o li' dove si puo'
E adesso che sappiamo quasi tutto
e adesso che problemi non ne hai
che nostalgia, lo rifaremmo in piedi
scordando la moquette stile e l'Hi Fi
Diciamolo per dire, ma davvero
si ride per non piangere perche'
se penso a quella ch'eri, a quel che ero,
che compassione che ho per me e per te
Eppure a volte non mi spiacerebbe
essere quelli di quei tempi la'
sara' per aver quindic'anni in meno
o avere tutto per possibilita'
Perche' a vent'anni e' tutto ancora intero
perche' a vent'anni e' tutto chi lo sa
a vent'anni si e' stupidi davvero
quante balle si ha in testa a quell'eta'
Oppure allora si era solo noi
non c'entra o meno questa gioventu'
di discussioni, caroselli, eroi
quel ch'e' rimasto dimmelo un po' tu
E questa domenica in Settembre
se ne sta lentamente per finire
come le tante via distrattamente
a cercare di fare o di capire
Forse lo stan pensando anche gli amici
gli andati, i rassegnati, i soddisfatti,
giocando a dire che si era piu' felici
pensando a chi si e' perso o no a quei patti
Ed io che ho sempre un eskimo addosso
uguale a quello che ricorderai
io come sempre, faccio quel che posso
domani poi ci pensero' se mai
Ed io ti cantero' questa canzone
uguale a tante che gia' ti cantai
ignorala come hai ignorato le altre
e poi saran le ultime oramai

CERCA